Progetto Salon Proof intevista a: Marco Volpi

Marco VolpiOgni giorno Elgon lavora per aiutare gli acconciatori professionisti di tutto il mondo a creare bellezza e dare emozioni attraverso i suoi prodotti cosmetici professionali efficaci, delicati e piacevoli, in un ambiente funzionale e dall’immagine raffinata ed emotiva; inoltre, crede molto nella formazione dei professionisti, anche attraverso il contributo di altri acconciatori che ogni giorno usano Elgon. Abbiamo parlato con Marco Volpi, Opinion Leader che da anni collabora con il marchio.

Parlaci di te brevemente. “Ho frequentato all’inizio della mia carriera tre scuole diverse in otto anni, una prettamente maschile dove per alcuni anni ho insegnato m.volpie organizzato eventi, le altre due femminili; ho iniziato la mia collaborazione con un’altra azienda parigina sfruttando varie opportunità poi ho conosciuto Elgon e mi sono reso conto che era una grande azienda e che con loro non ero un numero. In questi anni grazie a Elgon ho potuto fare tante esperienze diverse, mettermi alla prova in un gruppo e da solo, rappresentare una azienda nel mondo e l’ho fatto sempre con tanto piacere. Il mio salone è a Ponsacco in provincia di Pisa e grazie a Dio funziona benissimo!”

Cosa vuol dire essere Opinion Leader Elgon? “Vuol dire amare l’azienda, conoscere con precisione i prodotti e aiutare altri parrucchieri a usarli bene e apprezzarli.”

Quale prodotto Elgon non dovrebbe mai mancare in un salone e perché? “Il Kit Volume System, un prodotto tecnico volumizzante davvero unico, perché a seconda del montaggio e del tempo di posa , dona forma a tutti i tipi di capelli, anche quelli più rovinati senza bruciarli ne opacizzarli e con un risultato naturale e luminoso. È un prodotto che non saprei sostituire con altri!”

Cosa ti aspetti dalla sessione di approfondimento tecnico del Salon Proof? “Mi aspetto di migliorare il mio standing, perché con le slide da proiettare, una traccia definita da seguire e un pubblico da tenere attento e partecipe…non è facile!”

Quali consigli ti senti di dare ai nuovi professionisti junior che approcciano l’attività in questi tempi? “Il mio consiglio è di partecipare, senza stancarsi mai, di apprendere qualcosa da tutti, per fare un collage di esperienze diverse e creare quindi il proprio stile; mantenere sempre l’umiltà e restare anche un po’ bambini…con la capacità di sorprendersi anche dopo tanti anni.”